domenica 4 ottobre 2015

POST N.231 - Ricadute economiche degli atti ostativi del Comune di Riccione e stima data completamento opera

AM Rimini quantifica in euro 1.635.000 il danno ricevuto dal Comune di Riccione per ritardo esecuzione opere

**

.."H) Ricadute economiche degli atti ostativi del Comune di Riccione
Per effetto delle interruzioni e ritardi nei lavori verificatesi, con particolare intensità, dai mesi di giugno-luglio 2014 in poi, l’impresa ha iscritto riserve per i danni causati comportanti calo di produttività per interruzione dei cantieri.

A settembre 2014 il comune di Riccione, a fronte delle nuove richieste di Agenzia dell’emanazione delle dovute ordinanze di regolazione del traffico necessarie per la ripresa dei lavori, ha dapprima richiesto ulteriore differimento al 1° ottobre (let t. prot. AM 5157 del 27/08/2014) e poi, con deliberazione di consiglio n° 40 del 28/08/2014 ha confermato che sarebbe stato consentito il cantieramento a decorrere dalla prima settimana di ottobre.

Confidando su tali atti formali Agenzia ha ritenuto quanto mai opportuno definire da subito l’entità del danno cagionato dalle precedenti interruzioni dei lavori onde non trascinare oltremodo un insoluto contenzioso con l’impresa esecutrice sussistendo, allo stato, la fondatezza delle motivazioni delle pretese e tutte le condizioni per quantificarne l’entità.

Ciò avrebbe consentito di ripartire con le lavorazioni scevri di ogni gravame di alea economica, con la definizione del nuovo termine di ultimazione lavori (che necessariamente ha visto uno slittamento in avanti) e con una aggiornata ri-programmazione dei lavori. E’ stato pertanto redatto un atto transattivo nel quale sono stati definiti:
- l’importo di 635.000 € per danni materiali da interruzione dei cantieri
- il nuovo termine di ultimazione lavori al 03/08/2016 (rispetto a quello contrattuale previgente del 04/08/2015) con rinuncia dell’impresa ad ogni ulteriore pretesa risarcitoria in relazione agli accadimenti di cui sopra.

Ad ulteriore conferma e garanzia, in data 19 novembre si è avuta anche la sottoscrizione di un verbale congiunto tra Agenzia e il Comando Polizia Municipale di Riccione di impegno al rilascio delle richieste ordinanze con cadenzamento coerente con la riveduta programmazione lavori. 

Al comune di Riccione si è data ripetuta comunicazione del necessario addebito dei danni
sopradefiniti in data 05/02/2015 e in data 14/04/2015.

Il successivo svolgimento dei fatti non è però stato coerente con gli impegni assunti in quanto già la prima ordinanza n.589, pur rilasciata in data 01/12/2014 è stata successivamente revocata con ordinanza n. 606 in data 10/12/2014 (con motivazioni che si riveleranno poi pretestuose e infondate) impedendo il concordato avvio delle lavorazioni.

Nonostante gli impegni dichiarati in Comitato di Coordinamento del 15 dicembre 2014 dal Sindaco di Riccione le ordinanze non sono state rilasciate neppure nel prosieguo e addirittura nel gennaio 2015 (come già si è anticipato nel paragrafo che precede) e si sono verificati onerosi rallentamenti ed impedimenti ancor oggi persistenti e cagionevoli di ulteriori danni.

Danni economici la cui richiesta è stata formalizzata dall’appaltatore con riserve iscritte in contabilità lavori per un importo attuale di circa 14.000 €/giorno non ancora quantificabili non essendo cessate le situazioni ostative e, dunque, non essendone cessata la causa. Ad oggi, possiamo stimare un ammontare di circa un milione di euro.

Oltre a questi danni economici si deve poi mettere in conto un’inevitabile ulteriore differimento del termine di ultimazione lavori che fa paventare la fondata probabilità di superare il 31 dicembre 2017, data in cui era stata prevista la messa in esercizio del sistema di trasporto. Il che significherebbe mancata produzione dei ricavi previsti, anch’essa al momento non definibile in quanto ancora persistono motivi di interdizione.

Anche i danni di cui sopra - che saranno successivamente quantificati – dovranno essere addebitati al comune di Riccione che ne è stato causa"...
Tratto dal bilancio 2014 di AM Rimini

1 commento:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina